Alberto Rossi

Fotografo

“Caro, cosa vuoi come regalo per la tua prima comunione?” Chiese Zia Vetice, nei primi anni ’80. “Una Polaroid.” Risposi di getto con l’entusiasmo e la felicità di un bambino di 8 anni quando gli vie-ne fatta LA domanda.
Durate una gita con i miei genitori a Brescello, nei luoghi di Don Camillo e Peppone, con l’amata Polaroid, che conservo tuttora, scattai le prime fotografie.
Curiosità, passione e ricerca sono andate crescendo nel tempo e mi hanno portato ad iscrivermi a scuole di fotografia.

Ho frequentato il biennio dell’Istituto Italiano di Fotografia, 2 Master presso l’Accademia John Kaverdash.
Nel corso degli anni, pur rimanendo aperto e interessato a tutti i generi fotografici, mi sono specia-lizzato nel food, nell’architettura e nella riproduzione di opere d’arte. Questo mi ha portato nel corso degli anni a collaborare con diversi editori per la realizzazione di libri e riviste.
Molti libri sono stati tradotti nelle principali lingue straniere, cinese incluso.

Suggestioni gastronomiche

I cibi sanno raccontano storie, io so raccontare il cibo

Gli strumenti nelle mie mani

Nel corso del tempo ho avuto il piacere di avere e utilizzare diverse macchine fotografiche, sia analogiche che digitali.
Dal banco ottico, alle 6x7, 6x6, 6x4,5 e ovviamente il 35 mm, questo in analogico.
In digitale dorsi per banco ottico, reflex ff e micro 4/3.
Ovviamente ho posseduto, tuttora possiedo, anche moltissimi obiettivi, sia originali che di terze parti.
I miei preferiti sono i macro, Zeiss 50mm, Zeiss 100mm , Canon 180mm, uno è sempre montato su un corpo.
In studio, o in ambienti dove c’è necessita di illuminare la scena da riprendere, utilizzo flash con generatore.
In base al soggetto, e alle esigenze di ripresa, impiego diversi modificatori di luce: bank di varia forma e dimensione, snoot, fresnel, parabole di diametro da 30cm e oltre.
Non sono un grande amante degli ombrelli.
Adoro sperimentare su legno vari tipi di colori e materiali per bricolage, quando il risultato mi soddisfa li uso come fondi per fotografie.

Spazi e linee

Italia. Il nostro poco amato paese. Ebello, molto bello, siamo quelli con il maggior numero di Patrimoni Unesco. Ho conosciuto persone che sono state più volte a Praga, in Thailandia, alle Hawaii, ma mai a Roma
Alle superiori volevamo andare a tutti i costi in gita a Budapest, il Preside non era daccordo. Insistemmo non poco, alla fine ci accontentò. Per chiudere la discussione disse una frase che in quel momento mi colpii, ma sono dopo qualche anno compresi.
Va bene, vi porto dove volete. Io ho fatto pochi viaggi allestero ma ho girato bene lItalia. Ricordatevi che non ha nulla da invidiare a dove volete andare, anzi.
Aveva semplicemente ragione.
Non abbiamo solo panorami mozzafiato.
In tutta la penisola troviamo eccezionali strutture architettoniche, frutto dellestro, delle incredibili capacità artistiche e della fatica fisica dei nostri avi e talvolta, anche, dei nostri contemporanei.

Da qua nasce la mia curiosità, per spazi, linee e per il nostro passaggio urbano.

Realizzazioni professionali

Fotografia

Che cosa si può fare con le mie foto? Dipende. Una bella foto può essere alla base della vendita di un prodotto, del rilancio di immagine di un marchio, ma anche la carta vincente per presentare nel migliore dei modi una pubblicazione, una rivista, o realizzare un allestimento d’impatto per una fiera. Ancora, una bella foto può diventare un elemento decorativo unico e personalissimo per arricchire un ambiente e riscaldare un arredamento classico o di design. Ecco che cosa viene realizzato con le mie foto: copertine di libri, o di riviste, pubbliredazionali, pubblicità, stampe fine art che possono essere utilizzate come pannelli pubblicitari o appese in casa come complemento d’arredo. In ogni caso, una foto parla di chi l’ha scattata, ma, sopratutto racconta nello spazio di un click una storia irripetibile, che si rinnova ogni volta che qualcuno posa gli occhi su di essa. La mia foto può diventare la vostra storia.

Libri e Materiali

Perché si compra un libro? Perché ogni libro è un’esplosione di informazioni preziose, e solo aprendolo e leggendolo possiamo scoprirle. Io scrivo libri. No, non è esatto. Io creo libri fatti di immagini, che parlano, che raccontano storie, che trasmettono emozioni, forse meglio ancora di quanto potrebbero fare le parole. Libri di food, soprattutto, e ti basta sfogliarli e lasciar scorrere gli occhi sulle foto per avvertire un profumo, invitante, irresistibile, per sentire crescere in te un languorino inaspettato, e infine avere l’impressione di poter gustare il sapore di quello che vedi. Libri magici? Più o meno. Il più bel complimento che ho ricevuto in merito ai mie libri è stato: “Che fame mi hai fatto venire!”

Servizi Fotografici

Ogni azienda che voglia farsi conoscere e allargare il proprio giro di clienti deve farlo trasmettendo un’immagine vincente e che esprime al meglio il suo potenziale. Io in questo posso aiutarvi, studiando con voi il servizio fotografico perfetto per valorizzare al meglio ciò che siete e producete. Gestite un ristorante è volete far conoscere il nuovo menù della stagione? O mostrare le vostre sale rimodernate? Oppure avete un’azienda alimentare e volete rinfrescare l’immagine dei vostri prodotti o raccontare le fasi della lavorazione? Avete una cantina o un agriturismo in cui organizzate serate a tema, degustazioni, eventi musicali? Ecco il genere di servizi che posso offrirvi, sempre con un occhio di riguardo all’emozione che volete trasmettere, e naturalmente con tutta la professionalità che posso garantirvi.

Ultimi articoli

le osterie italiane secondo la guida Slow Food 2018

Luoghi che "incarnano al meglio l’autenticità della cucina italiana". Sono le osterie italiane secondo la guida Slow Food 2018, curata Marco Bolasco ed Eugenio Signoroni. L'Emilia Romagna si conferma roccaforte del buon cibo con 21 nomination ("chiocciole"),...

leggi tutto

La bellezza sta sempre nell'occhio di chi guarda

Hai bisogno di me?Contattami